La Scimmia Urlatrice

Io urlo, tu leggi!

SQUALI COLPEVOLI DI SPARIZIONI SIMULATE

L’ennesima passata testimonianza dall’esito dubbio

Fino a qualche decennio fa le acque fredde dell’emisfero settentrionale erano considerate abbastanza sicure pensando che gli squali infestassero soltanto i caldi mari del sud.

Un singolare accaduto rese celebre la Toscana nel 1989.

Costanzo si presentò sconvolto negli uffici della polizia raccontando l’orribile morte di suo padre Luciano durante un’immersione al largo delle coste toscane: uno squalo di sei metri lo aveva assalito e divorato.

La notizia gettò nel panico la popolazione locale, minacciando la prosperità delle attività turistiche della zona, tanto che fu indetta una colossale caccia allo squalo con una taglia di ricompensa.

Lo squalo non fu trovato, ma al suo posto furono recuperate le bombole, le pinne e la cintura dello sfortunato sub.

Ardua sentenza spiegare come uno squalo potesse svestire un corpo prima di sbranarlo.

Gli inquirenti iniziarono a dubitare di una montatura, che Luciano fosse in realtà vivo e vegeto godendosi la grossa somma incassata dall’assicurazione con l’aiuto del figlio.

Gli squali sono davvero rari in quelle acque ma non si potrebbero escludere possibilità di incursioni.

Verità o finzione?

La polizia italiana non è ancora riuscita a stabilirlo.


          Daniele Flenghi

Advertisements

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s

Information

This entry was posted on October 28, 2016 by in Attualità, Curiosità, News and tagged , , , , , , , , , .
%d bloggers like this: